2f971821bfbe197b81d9497eef5aa659.jpg
9e739fd928c1ef1096635bb4b013b509.jpg
aaa253dae8b38ac4965b2bd20143339e.jpg
0b36168f28219653977ef7f6dd33b2e7.jpg
Ente turistico della citta di Bakar
Hrvatski English Ente turistico della citta di Bakar - Citta di Bakar Tourismusverband Der Stadt Bakar - German
L’antico castello di Hreljin

L’antico castello di Hreljin rappresenta oggi i resti della città medievale di Hreljin, e ne costituisce pertanto la cittavecchia. Situato all’estremo occidente del Vinodol, si erge orgogliosamente su un’alta roccia tagliata a picco sopra la località di Bakarac. Nel Medioevo Hreljin rappresentava un importante centro residenziale, commerciale, difensivo e amministrativo. La prima menzione della cittavecchia medievale risale all’anno 1225, quando l’imperatore austro-ungarico Andrea II cede ai Frangipani tutta la contea del Vinodol e quindi pure Hreljin. Inoltre, una delle primissime menzioni di quest’ultima località è del 1288, quando viene citata tra i confirmatari della Legge del Vinodol. La cittavecchia di Hreljin viene abbandonata in seguito ai cambiamenti che ci sono stati nella vita economica, ma soprattutto dopo la costruzione della via Carolina che collegava Karlovac e Buccari. Gli ultimi abitanti della vecchia Hreljin erano tre preti che hanno definitivamente abbandonato la parte antica della località nel 1790 per andare ad abitare nella parte nuova, cioè quella dell’odierno paese. Da quella volta la Hreljin antica risulta abbandonata a se stessa e vi regna lo spirito dei tempi antichi di questa cittadina. In questo senso anche gli odierni visitatori dell’antico castello potranno rendersi conto della grandezza e dell’aspetto che aveva questa cittavecchia nata tra il XIII e il XVI secolo, arrivando pure a capire quale sia stata la sua importanza di una volta. Sono stati fino ad oggi conservati, a parte i resti delle mura cittadine e di altri edifici, i ruderi di due edifici religiosi: la torre cioè il campanile della chiesa di San Giorgio (Sv. Juraj) con le rovine di quest’ultima e la cappella della Beata Vergine Maria. Quest’ultima ha per gli abitanti della Hreljin moderna un’enorme importanza sia in quanto unico edificio conservato della parte antica della località, sia in senso religioso. Sopravvive in tal senso anche la tradizione di celebrarvi l’eucarestia il 5 agosto, festa della Madonna delle Nevi. Conservando la memoria dei tempi passati, della gloria e dell’importanza della città, la cittavecchia di Hreljin offre ad ogni visitatore la possibilità di farne parte, almeno per qualche momento.